Yucatan

io sono consapevole di essere stata generata da Questa Terra con semplicità con volontà

07 October 2007

I dieci suoni che preferisco

Il rumore della moka quando esce il caffè.
Le persiane alzate a mano.
Il tintinnio delle chiavi di casa mentre sta per entrare qualcuno che aspetto - e dopo le appoggia sul ripiano di legno.
Il suono netto dei tacchi se sono agitata per l'incontro al quale mi dirigo.
Il crak della crosta di pane croccante che si spezza - ma anche il tlak del caramellato sulla Crema catalana e il blap della gelatina di frutta al primo cucchiaino. Lo scricchiolio della sabbia asciutta che si spacca sotto i piedi.
L'effervescenza del tappo della birra che si apre, che prelude alla sincera chiacchierata con gli amici.
La catena della bicicletta mentre gira, specialmente se non è perfettamente oleata, ma sa di passeggiata in campagna.
I fischi gracchianti del modem quando si connetteva. Sono passati pochi anni e sembra archeologia.
La voce roca della macchina da cucire di mia madre che crea qualcosa.
La canzone sommessa del rasoio elettrico. è un rumore che mi ricorda mio padre e che accompagnava il risveglio ogni mattina. Dal bagno sentivo il brusio del rasoio mentre aspettavo il latte caldo per aprire gli occhi sul giorno.

Fuori concorso ovviamente tutte le voci del mare e le risate di Giorgia mentre giochiamo.

Labels:

19 Comments:

  • At 11:35 PM, Blogger Luna said…

    sei spettacolare

     
  • At 11:49 PM, Blogger antonio said…

    E qual è il rumore che associ immediatamente a Perugia?

     
  • At 12:29 AM, Blogger zefirina said…

    bella colonna sonora

     
  • At 12:55 AM, Blogger virruzza said…

    il rumore delle cartine quando rulli una sigaretta, un fruscio leggerissimo

    il rumore che fa il coperchio dei barattoli sotto vuoto, quando li apri, quel clack deciso

     
  • At 6:43 AM, Blogger vesuvio said…

    il grido dei gabbiani le belle mattine d'inverno. o questo era compreso nei furoi concorso?? a perugia si dovrebbero associare suoni cioccolatosi, no?? a me pero' vengono in mente i passi nel corridoio vuoto del colegio!

     
  • At 8:56 AM, Blogger Claudia said…

    A rifletterci, dovrei associare a Perugia il rumore della moka, perchè ho iniziato a bere caffè a 18 anni, quando ho iniziato l'università a Perugia e mi sembrava una abitudine socializzante, dato che ero in collegio e non fumavo, quindi non confividevo la Pausa sigaretta con le altre.
    Dovrei associarvi anche il rumore dei tacchi, perchè esami e colloqui sono iniziati a perugia. Dovrei associarlo anche alla Gelatina di frutta, iniziata con la passione per l'america latina ed al modem del fax, di due coinquiline della quinta e della sesta casa.
    Però, con l'emozione, nessuno lo associerei a Perugia.
    beh, è una domanda sulla quale non ho mai rifletturo: Antonio, da dove ti viene? forse l'associerei al rumore delle monete che cadevano nel telefono per chiamare casa o il mio di allora ragazzo - prima dell'avvento dei cell.
    Forse l'assocerei allo sbuffo dei treni. Forse ancor più ad un ritmo di samba. Ecco, questa mi sembra la più emotiva. Un samba.

    @Luna e Zefi: infinite grazie!
    @ Vir: si, anche quello delle cartine è un bel rumore, anche se io spero sempre che qualcuno faccia tutto per me!

    @RO: sembrerà stano, ma il verso dei gabbiani io l'associo a Edimburgo, perchè dall'oceano la mattina venivano a mangiare vicino casa gli scarti di un macellaio!
    Comunque non è che lo ami molto. è uno stridore quasi sofferente. Quello dei passi è un ricordo triste, spero se li ascoltavi temendo una secchiata d'acqua gelata dalle "nonne".

     
  • At 1:01 AM, Blogger virruzza said…

    @Claudia: in effetti è ancora più bello quel rumore quando non la stai facendo tu, ma la fanno per te, soprattutto se è una persona "speciale"... la sensazione è di essere fra le sue dita, e il fruscio leggero, in quei casi, mi fa venire i brividi...

     
  • At 5:55 AM, Blogger Claudia said…

    hai ragione! sembra brutto dire tutto questo rispetto ad una sigaretta oggi, con il proibizionismo da fumo dilagante, ma è vero; è come se creassero per te.

     
  • At 8:21 AM, Blogger danDapit said…

    Il suono che più mi incanta, da sempre, da quando ero bambina, è il garrito delle prime rondini in aprile, sul cielo azzurro e teso come le loro ali!
    ...
    Il rumore del modem quando si connetteva...ah ah! che mi hai fatto ricordare! sembra preistoria (è vero!!!)... eppure mi emozionava come una quindicenne alle prese col suo primo amore! Perchè friggevo nell'attesa di leggere delle mail che sapevo essermi state spedite!

    Bell'accordo di suoni raccolti in un post! =__=
    Un bacio!!

     
  • At 8:48 AM, Blogger Marco said…

    Bello questo post sui ricordi sonori!

     
  • At 10:37 AM, Blogger Claudia said…

    Danda: mi sono chiesta se inserire le tortore, con il loro verso che dà tranquillità, ma qualcosa dovevo tagliare! già avevo pensato di scrivere "Gli otto suoni" e siamo arrivati a "I dieci suoni"...
    Ci pensi in quanto poco tempo è diventato obsoleto il rumore del modem?? eppure, a pensare oggi a quelle attese...
    @Marco: benvenuto! passerò a leggere il miniblog. Mi fa piacere che sia apprezzato un post su qualcosa di così evenescente e intangibile come i ricordi e le percezioni sonore.

    Sarei curiosa di sapere cosa dice Pib, partendo dal suo blog Silenziosa-mente. :-)

     
  • At 7:47 AM, Blogger miss piperita said…

    Che bel post!!

     
  • At 9:56 AM, Blogger Claudia said…

    miss piperita: grazie! ma lo sai che non avevo notato fossi di Catania??

     
  • At 7:40 AM, Blogger miss piperita said…

    :-D

     
  • At 12:50 PM, Blogger lophelia said…

    In ritardo ma lo dico anch'io: bellissimo post.
    E, Claudia, mi hai ricordato quando sentivo mio padre che si faceva la barba in bagno, quando abitavamo tutti insieme. Incredibile come certi particolari siano pronti a riaffiorare dal profondo dopo tanto tempo, anche se non ci avevi più pensato.
    Mi hai anche fatto notare che il prezzo della comodità della macchina da caffè elettrica col timer è non sentire più il caratteristico rumore.

     
  • At 6:52 AM, Blogger Claudia said…

    qualcosa di acquista, qualcosa di perde, tanto si trasforma, ogni tanto qualcosa riemerge....

     
  • At 4:40 AM, Blogger Claudia said…

    Tredicesimo suono:
    Antonio, il Fine Gesuita, che rilassato si aggira per casa in pianelle!

     
  • At 4:53 AM, Blogger antonio said…

    Ogni tanto però si sentiva anche il suono di qualche rutto... ;o)
    ci credo io, con tutte le prelibatezze che ci ha preparato Claudia e quelle che ci ha portato Luigi... ;o)

     
  • At 6:24 AM, Blogger Claudia said…

    fine gesuita, sarò buona con te e ti metterò in "anonimato", nonostante tu associ il rumore di rutti a casa mia: che tocca senti!
    o come direbbe qualcun altro: ma te sarà parso!

     

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home