Yucatan

io sono consapevole di essere stata generata da Questa Terra con semplicità con volontà

20 April 2006

Meridiani


Potevo scegliere un'immagine più bella, meno anni sessanta, casomai con il nome Shatzu scritto nella lingua originale, con un bellissimo pennello che lasciasse vedere il tratto.
Però questa doppia immagine propone due dei momenti più belli del trattamento, quando vengono stimolati tutti i punti sotto la pianta dei piedi, sul collo ed anche sui laterali del piede... e sul tallone!
ma ancora di più è vivificante la parte del trattamento che si localizza su spalle, collo, testa, arco sopraccigliare, fronte.
Non immaginate quale senso di abbandono e "universalità". O forse lo immaginate perchè avete ricevuto anche voi trattamenti Shatzu, ed allora siete fortunati!
Ma questo post non è solo pubblicità alla disciplina, è anche un richiamare l'attenzione su una serie di pratiche terapeutiche snobbate dalla legge, che pongono il "prendersi cura" al primo posto, come momento che può allontanare la necessità del "curare".
Ed è anche perchè lo shatzu mi aiuta a ricordare che poche sono le cose fondamentali nella vita ed a quelle conviene porre attenzione, non alle tantissime incombenze, ansie, impegni quotidiani che poi costruiscono solo altre ansie. Respirare con l'universo, affidandosi!

13 Comments:

  • At 11:21 PM, Blogger PiB said…

    Prendersi cura invece che curare...Roby confesso che questa distinzione che sottolinei mi ha fatto riflettere...hai ragione credo che la nostra cultura occidentale ci ha insegnato a mettere i punti per chiudere una ferita piu' che ad evitare le lame taglienti. Non ho mai avuto una seduta Shiatsu ma visto che da un po; ne parli mi hai incuriosito.

     
  • At 1:11 AM, Blogger artemisia said…

    Vi consiglio di parlarne con la nostra grande esperta e maestro di shiatzu Rodocrosite alias Viola d'Acqua, che mi ha rimessa al mondo più volte...pochi sono bravi e preparati come lei.

    Prendersi cura sempre, curare quando si può è sempre stato il mio motto...parlavo proprio ieri di tocco terapeutico. Si torna alle mani...

     
  • At 5:17 AM, Blogger Claudia said…

    @Arte: è vero! si torna alle mani.
    Non sapevo che Rodocrosite praticasse lo shiatzu, ma sará interessante il suo parere.
    @Pib: SONO CLAUDIA! non te lo menticare (come dissi a mia madre ad un anno!)
    Spesso di sottolinea l'ambivalenza del "To cure" anglofono, intraducibile in italiano.

     
  • At 5:35 AM, Blogger artemisia said…

    To cure/to care...lost in translation.

     
  • At 6:40 AM, Blogger PiB said…

    Scusami clone! Rodocrosite fa Shiatsu!? Ma dimmi te come è piccolo il mondo..come il palmo di una mano

     
  • At 11:06 AM, Blogger Roberta said…

    voglio conoscere rodo di persona e affidare la mia fronte ai palmi delle sue mani.cosi' mi sembrera' di conoscere di piu' anche tutta la pelle che e' stata liberata da quelle mani prima di me! Pib se fai ancora di questi errori viene li' a morderti di persona e poi scappa via offesa!!!

     
  • At 1:11 AM, Blogger artemisia said…

    Mi sa che Rodocrosite è via per qualche giorno, ma state certi che si farà viva.

    È una delle poche che ha studiato veramente shiatzu per tre lunghi anni, e si sente. (C'è molto shiatzu a livello estetista in giro...)
    Io la prima volta ero una tavola tesa, poi via via alla fine mi sono quasi addormentata. Delizia!

     
  • At 2:15 AM, Blogger Henry said…

    mi offro sin da ora come volontario a 'subire' una seduta comparativa di shiatzu tra claudia e rodo...la mia anima ne ha un bisogno assoluto...spero solo che non succeda come l'ultima volta che qualcuno me l'ha fatto: alla fine della seduta piangevo come un vitello!

     
  • At 11:00 AM, Blogger rodocrosite said…

    Henry, allora vuol dire che ha funzionato. Non nel senso che lo shiatsu fa male, ma che tira fuori qualcosa di cui non si era consapevoli e che stava lì dentro a candire chissà da quanto.

    Grazie per le lodi sperticate, non sono poi così sicura di meritarle. In ogni caso resto disponibilissima per chi vuol farsi avanti.

    Lo shiatsu è qualcosa che coinvolge sia chi lo fa che chi lo riceve, non si può restare passivi.
    La definizione del prendersi cura è perfetta; alla mia scuola dicevano "coccolare".

     
  • At 6:17 AM, Blogger Claudia said…

    Precisazioni:
    @Henry io non pratico shatzu, ricevo solo i trattamenti.
    @Arte: anche la mia shatzuca ha fatto 3 anni di scuola e molte ore di tirocinio.
    @Rodo (eccoti!): anch'io alla fine le dico: ho un groppo in gola, e sei stata tu! però sento anche quanto mi faccia bene averlo fatto salire fino alla gola!

     
  • At 7:44 AM, Blogger artemisia said…

    "Coccolarci" è un termine che mi piace, l'ho sentto dire proprio di recente da un amico blogger.

    Coccoliamoci!

     
  • At 3:11 PM, Blogger rodocrosite said…

    I problemi si risolvono solo quando li guardiamo in faccia.
    Facciamoci coccolare.

     
  • At 12:58 PM, Blogger rodocrosite said…

    Roberta quando vieni a Firenze?

     

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home